/Alessandro
Arianti

Alessandro
Arianti

Non è da tutti, a 17 anni, trovarsi in tour con Francesco De Gregori. Ad Alessandro Arianti è capitato un po’ per caso, quando il padre – Dario, una vita al fianco del “Principe” – ha scritto “Spad” assieme a Guido Guglielminetti. Il provino, con Alessandro alle tastiere, ha convinto De Gregori. Tanto da volere nel suo disco, “Amore nel pomeriggio” del 2001, non solo la canzone, ma anche il tastierista.

Da quel giorno per Alessandro Arianti, all’epoca studente di clarinetto al conservatorio, è iniziata una nuova vita al seguito del cantautore romano.

Centinaia di concerti in tutto il mondo, il tour con Ron, Fiorella Mannoia e Pino Daniele, quello con Lucio Dalla, l’apertura a Bob Dylan e tutti gli album da “Amore nel pomeriggio” a “Sotto il Vulcano”, uscito a inizio del 2017.

Poi ha detto basta, per seguire la sua strada. Oggi Alessandro Arianti ha 35 anni, vive a Torino con i suoi due gatti, ama le piante e la cucina, e lavora incessantemente ai suoi progetti tra musica elettronica di ricerca, videoclip e projection mapping.